Chi Siamo Iniziative Festival e Accademia Dino Ciani Stampa Contatti

Mario Brunello

Ha iniziato gli studi musicali con Adriano Vendramelli, proseguendoli e perfezionandosi con Antonio Janigro. Percorre le tappe della carriera in orchestra fino al 1986, che diventa l’anno di svolta: vince, come primo italiano nella storia del concorso, il Concorso Internazionale Cajkovskij.

Da allora Brunello, assieme al suo Maggini del XVII secolo appartenuto al grande Franco Rossi, suona con tutte le più grandi orchestre e con i direttori più prestigiosi, come Claudio Abbado (che lo ha chiamato a suonare con l’Orchestra Mozart e con l’Orchestra del festival di Lucerna), Gianluigi Gelmetti, Carlo Maria Giulini, Valery Gergiev, Riccardo Muti, Seiji Ozawa, Zubin Mehta.

Si dedica con la medesima passione alla musica da camera, mettendo a frutto collaborazioni importanti con solisti del calibro di Andrea Lucchesini, Gidon Kremer, il Quartetto Alban Berg, Giovanni Sollima, di cui ha anche eseguito numerose composizioni.

Nel 1994 fonda l’Orchestra d'Archi Italiana i cui concerti sono spesso accompagnati da conversazioni con il pubblico, testi e introduzioni di scrittori, critici d’arte, filosofi, personalità del mondo della cultura e pittori.

Profondo conoscitore delle possibilità del suo strumento, musicista onnivoro e interessato a ogni forma musicale, Brunello è anche un insaziabile sperimentatore. Collabora spesso con musicisti jazz e pop come Vinicio Capossela, Uri Caine, Gian Maria Testa, Paolo Fresu o attori come Maddalena Crippa e Marco Paolini. Nel suo ultimo progetto, una produzione Musicamorfosi, le Suites di Bach, di cui è considerato oggi uno dei massimi interpreti, vengono immerse in un allestimento ricco di video-proiezioni ed elettronica. .

In queste ultime stagioni ha collaborato intensamente con Claudio Abbado, l’Orchestra del Festival di Lucerna e l’Orchestra Mozart, con quest’ultima anche in veste di direttore e solista.

Dal 2002 ha un contratto in esclusiva con la casa discografica giapponese DJV Victor.

Mario Brunello è stato nominato, più giovane tra tutti, Accademico di Santa Cecilia.

Ritornare a Festival e Accademia

top